Vino Biologico - Grosjean Vini Biologici in Valle d'AostaFinalmente è arrivata la tanto attesa annata 2015 anche per il Fumin vigne Rovettaz. Come ormai sapete, la nostra azienda si è convertita al biologico nel  2011 (prima cantina della Valle d’Aosta), ma la prima annata autorizzata ad avere la certificazione sull’etichetta è stata il 2015 in quanto ci sono giusti tempi tecnici per completare la conversione da viticoltura tradizionale a viticoltura biologica.

Così, dal 2011 tutte le nostre uve sono de facto biologiche, ma non lo sono state in etichetta dino al 2015. Potete immaginare dunque qual’è stata la nostra gioia vedere per la prima volta la piccola foglia verde della certificazione europea sulla retro etichetta del nostro Fumin vigne Rovettaz.

Per valorizzare al meglio la naturalezza del prodotto e il legame con il terroir, abbiamo deciso di riservare per il Fumin vigne Rovettaz 2015, e per le successive annate, il confezionamento nella scatola di legno. Per questo nostro rosso abbiamo abolito il cartone da 6 bottiglie, prediligendo il legno quale materiale naturale, prestigioso, sano e, perché no, anche più bello.

Il Fumin è una delle più antiche varietà della Valle d’Aosta, solo il Prié Blanc ha una datazione certa più antica. La più antica citazione risale al 1711 ed è conservata presso la parrocchia di Saint-Sulpice d’Arvier (R. Sandi – Saggio sulle Viti e sui Vini della Valle d’Aosta), mentre il Gatta, ad inizio Ottocento la considerava una:

Pianta robusta, feconda, di lunga età, resistente al freddo, indifferente al colle ed al piano: uva non mangiareccia, non conservabile, vino carico, assai spiritoso, molto durevole, né potabile prima dei tre anni perché nocivo: esso ingromma le botti moltissimo.

Queste non positivissime parole del noto ampellografo sono viva testimonianza del perché fino a pochi decenni fa il Fumin non poteva essere vinificato in purezza ma il suo uso era limitato al solo taglio di altri vini rossi per conferirli maggiore struttura, corpo e longevità.

Noi Grosjean è dagli anni ’90, tra le prime cantine valdostane, che lo produciamo in purezza e dai primi anni 2000 siamo riusciti a selezionare le migliori uve del Fumin della vigna Rovettaz da proporre in questa selezione. La Rovettaz è una vigna perfettamente esposta e dai multipli microclimi che permettono a diverse varietà autoctone (Cornalin, Petit Rouge, Premetta, Petite Arvine, Mayolet...) di trovare il loro perfetto terreno di maturazione. Il Fumin si trova nella parte più pendente ed esposta a sud-ovest per poter meglio raccogliere i miti raggi solari autunnali che ne permettono un’ottimale maturazione nelle brevi giornate tardo autunnali. Un lunga macerazione su bucce e 15 mesi di barriques francesi (solo il vino fiore) lo preparano per i successivi minimi 2 anni di affinamento in bottiglia.

Dal 2011, noi Grosjean, abbiamo ottenuto la certificazione biologica da QCertificazioni  e dopo 4 anni di attenti controlli per la fase di conversione, abbiamo ricevuto l’autorizzazione a porre in etichetta il logo e la certificazione di agricoltura biologica. Dopo 7 anni di fatiche ed impegno, vediamo finalmente la “foglia verde” anche sul nostro amato Fumin.

 

Il non utilizzo di diserbanti ci ha permesso di arricchire il terreno di quella microfauna che rende il vigneto un complesso, e sano, sistema dove la biodiversità è di casa. L’assenza di fitofarmaci sistemici se da una parte ci richiede costante vigilanza ed osservazione, dall’altra permette un minor impatto ambientale sul vigneto. Il nostro obiettivo è salvaguardare l’ecosistema di casa per fare si che le generazioni future possano continuare a fruire di tale bellezza.

Cogliamo l’occasione per invitarvi tutti presso la nostra cantina per poter degustare tutti i nostri vini biologici e per poter toccare con mano, in vigneto, la bellezza del nostro paesaggio alpino valdostano.

– PRENOTA UNA VISITA –