Vigna Rovettaz

Solo fino a qualche decennio fa la vigna Rovettaz era interamente ricoperta di boschi di roverella per lo più incolti. Con fatica, dedizione e tante lunghe ore di lavoro si è riusciti pian piano a restituire fascino e dignità a questo antico sito di vinificazione che ben si presta alla viticoltura biologica grazie all’esposizione ai costanti venti di Föhn che limitano il proliferare di malattie funginee. Attualmente, coi suoi 5,5 ettari, la vigna Rovettaz è il nostro vigneto di maggiore importanza, nonché il più grande coltivato da singolo produttore in Valle d’Aosta.

Nella complessità orografica del sito trovano ottimamente sede alcuni tra i nostri vini di punta: il Petit Rouge (Torrette vigne Rovettaz) si colloca nella parte bassa, a metà troviamo il bianco valdostano più conosciuto, la Petite Arvine, mentre nella zona di massima pendenza il Fumin vigne Rovettaz ha trovato il suo habitat più ideale. In altre piccole nicchie troviamo altri vitigni autoctoni quali il Cornalin e il Syrah.