La Stampa racconta di noi - Grosjean Vini Biologici in Valle d'Aosta

Il passito tra le montagne con l’uva esposta al vento

CRISTINA PASTORE

QUART

Vignaioli di montagna i cinque fratelli Grosjean. Vincent, Piergiorgio, Marco, Fernando ed Eraldo che nel 1969 – alcuni di loro erano ragazzini – rimboccandosi le maniche con il padre Dauphin si lanciarono nell’impresa di una produzione vitivinicola eccellente e soprattutto originale, perché fortemente legata al territorio della Vallée. Le viti coltivate su 12 ettari dai fratelli Grosjean sono soprattutto varietà autoctone: si è partiti con Petit rouge e Moscato bianco, poi è stato messo a dimora il Gamay e il Pinot nero e infine si è virato su Fumin, Cornalin, Prëmetta, Vuillermin e per i bianchi il Petite Arvine, «originario del Vallese, in Svizzera, ma che da noi cresce in condizioni ottimali» dice Vincent Grosjean.

Continua qui

Lascia un commento

Contattaci!
Salve,
Possiamo essere d'aiuto?
Powered by